Volare Nella Nebbia

Volare Nella Nebbia

Ottobre 14, 2022

Volare Nella Nebbia con il drone?

Volare Nella Nebbia
Immagine protetta da copyright by SweItalyAdventure

In questo articolo vediamo assieme i rischi del volare Nella nebbia con il drone.
Chi mi segue , ricorderà gli innumerevoli video sul volo in caso di vento forte e/o di temperature estremamente basse anche fino a 30 gradi sotto zero. Ricordiamo l’inseguimento delle moto sul ghiaccio sul lago Svedese QUI.

Ma oggi parliamo di un nemico spaventoso, molto più pericoloso del freddo, della neve e del ghiaccio. Di cosa stiamo parlando? Della nebbia.

Prima di consigliarvi i comportamenti giusti, attui a minimizzare i rischi di questo volo, vediamo assieme alcune nozioni di metereologia. La nebbia comincia a formarsi quando l’umidità di una massa d’aria raggiunge o è prossima al 100%, ovvero quando avviene la saturazione del vapore in essa contenuto.

Esistono poi vari tipi di nebbia:

Nebbia da irraggiamento:


si forma generalmente dopo il tramonto, dopo che il suolo ha ceduto calore allo spazio tramite irraggiamento, raffreddandosi, assorbe calore dall’aria più a contatto con la superficie (generando inversione termica). La temperatura degli strati d’aria prossimi al terreno si abbassa sino a raggiungere la temperatura di rugiada permettendo la condensazione di goccioline di acqua liquida. La nebbia da irraggiamento è tipica delle notti con cielo sereno (effetto serra da parte delle nubi limitato) e vento poco intenso.

Nebbia da avvezione:

si forma quando l’aria umida passa per avvezione, movimento orizzontale dei flussi d’aria sopra il terreno freddo e viene così raffreddata. Questo fenomeno è frequente sul mare quando l’aria tropicale incontra ad alte latitudini acqua più fredda. È anche comune il caso in cui un fronte tiepido passi sopra un’area abbondantemente innevata. È comune quando c’è molta differenza tra le temperature diurne e notturne, si dissolve non appena il sole, al mattino, comincia a scaldare l’aria.

Nebbia da umidificazione:


è la forma più localizzata ed è creata dall’aria fredda che passa sull’acqua molto più calda. Il vapore acqueo entra velocemente nell’atmosfera tramite evaporazione e la condensazione ha luogo quando il vapore acqueo raggiunge la saturazione. La nebbia da umidificazione è frequente nelle regioni polari, e intorno ai laghi più grandi e più profondi nel tardo autunno e all’inizio dell’inverno, spesso causa nebbia ghiacciata o talvolta brina.

Nebbia frontale:


(o nebbia da precipitazione): si forma quando una precipitazione cade nell’aria secca dietro alla nube, le goccioline liquide evaporano in vapore acqueo. Il vapore acqueo si raffredda e al punto di rugiada condensa e forma la pioggia.

Nebbia congelantesi:


si verifica quando le goccioline di nebbia si trovano allo stato liquido (condizione detta di sopraffusione) nonostante la temperatura dell’aria sia inferiore a 0 °C; quando vengono a contatto con una superficie, formano depositi di ghiaccio chiamati galaverna, calabrosa o ghiaccio chiaro. Ciò è frequente sulla cima di quelle montagne che sono esposte a un debole vento. È quindi equivalente alla pioggia congelantesi, che provoca il gelicidio.

Nebbia ghiacciata:


(o nebbia velata): è quel tipo di nebbia dove le goccioline si sono congelate a mezz’aria in minuscoli cristalli di ghiaccio. Generalmente ciò richiede temperature ben al di sotto del punto di congelamento (solitamente inferiori a −30 °C, nonostante si possa avere sopraffusione fino a −40 °C) e quindi questo tipo di nebbia è comune solo nell’area e nei dintorni delle regioni artiche e antartiche. Una precipitazione di aghi di ghiaccio simile alla nebbia ghiacciata, ma che si verifica con cielo sereno e non provoca diminuzione di visibilità, si chiama polvere di diamanti.

Classificazione della Nebbia
La nebbia si può classificare a seconda della densità:

Nebbia densa: visibilità inferiore a 30 metri.
Nebbia fitta: visibilità compresa tra 30 e 50 metri.
Nebbia spessa: visibilità compresa tra 50 e 200 metri.

nebbia in pianura al mattino

Come comportarsi

Ma come comportarsi per volare Nella nebbia con il drone ?
Il primo consiglio è quello di superare la nube il più velocemente possibile e di farlo in verticale. Per 3 motivi .
Il primo per la velocità. Diritti in verticale sicuramente passeremo la nube più velocemente ed esporremo il drone alla nebbia per il minor tempo possibile.

Il secondo per le dinamiche del drone. Infatti salendo lentamente, potremmo far entrate più condensa all’interno dell’aeromobile poiché quasi sempre, questi ultimi hanno delle prese d’aria che sono perfette, in negativo, per fare entrare più umidità.

Il terzo per la camera. La fotocamera salendo in diagonale si bagnerà ed oltre ai rischi connessi all’acqua stessa, rischiamo di appannare la camere e rovinare eventuali immagini mozzafiato da poter riprendere al di sopra della nebbia.

Un ultimo consiglio è quello che una volta atterrati di asciugare eventuale condensa dal drone, di estrarre la batteria e di riporre il tutto in un luogo ben ventilato, asciutto e possibilmente riscaldato.

Speriamo che questo articolo ti sia stato utile!

Un caro saluto // SweItaly.


Se ti sono piaciuti i contenuti del sito, allora offrici un caffè, grazie.

Autore

sweitalyadventure@gmail.com

Potrebbe interessarti anche

Scouting

Il tuo articolo qui? Drone Italia è sempre alla ricerca di nuovi collaboratori, clicca il bottone per candidarti.

Partner
Drone WebStore - Vendita Droni
Partner Tecnico
Musica Per Video
Musica Free per Video
Sostieni

Contribuisci alla crescita di Drone Italia, effettua una donazione e sostieni il progetto.


DRONEITALIA Ente del Terzo Settore - C.F. 90074500027 P.IVA 02740220021 |  Realizzazione Sito Internet MM MultiMedia